In-Store vs. Shopping online: Qual è il più Eco-Friendly?

Il nuovo studio utilizza una valutazione del ciclo di vita per valutare l’impatto ambientale dello shopping fisico rispetto agli acquisti di e-commerce, in particolare la creazione di emissioni di gas serra.

Un nuovo studio sull’impatto ambientale dello shopping online rispetto a quello fisico ha scoperto che lo shopping nei centri commerciali può essere fino al 60% più sostenibile dal punto di vista ambientale rispetto allo shopping online. Lo studio, “Il comportamento dello shopping influisce sulla sostenibilità?“, Condotto da Deloitte per conto del Simon Property Group, ha rilevato che una serie di fattori, tra cui un aumento dei resi e imballaggi aggiuntivi, hanno contribuito all’impatto ambientale negativo del commercio elettronico. Considerando che, le emissioni più basse associate alle location fisiche sono state guidate dagli acquirenti che effettuano un numero maggiore di acquisti per viaggio e combinando le loro visite al centro commerciale con altre attività come parte della loro catena di viaggio.

Uno studio iniziale condotto da Deloitte nel 2016 ha valutato i gas serra associati a tutto il materiale, energia e rifiuti attribuibili a un prodotto nel suo ciclo di vita. Simon ha aggiornato l’analisi con nuovi dati per incorporare le tendenze recenti nei comportamenti degli acquirenti sia per lo shopping online che per il centro commerciale. Per garantire la comparabilità, la valutazione del ciclo di vita ha ipotizzato che il consumatore abbia acquistato lo stesso paniere di merci online come farebbe in un punto vendita. Lo studio aggiornato dimostra che lo shopping in un centro commerciale è circa tre volte più sostenibile dal punto di vista ambientale rispetto a tre anni fa a causa del cambiamento dei comportamenti dei consumatori, sia online che in negozio.

I principali risultati dello studio includono:

· Lo shopping online porta a cinque volte più prodotti restituiti, il che aumenta notevolmente l’impatto ambientale. Un’ampia ricerca bibliografica condotta per lo studio mostra che circa il 40% degli acquisti online viene restituito contro il 7% nel caso dello shopping fisico.

· Lo shopping online genera emissioni cinque volte maggiori dagli imballaggi per gli ordini online (scatole di cartone ondulato, involucri di bolle, ecc.) Rispetto alle emissioni associate all’uso di sacchetti di plastica / sacchetti di carta che portano solitamente a casa dal centro commerciale.

· Gli acquirenti del centro commerciale acquistano, in media, tre prodotti e mezzo per viaggio e visitano altri luoghi nel loro cammino verso il centro commerciale, che viene spesso chiamato concatenamento di viaggi e riduce le emissioni specificamente legate alla visita del loro centro commerciale, perché il viaggio è diviso tra più fermate.

Fonte

Lascia un commento